Terre di Capitani

Scopri la storia del marchio “Terre di Capitani®️”.

Gualdo Cattaneo, situato nella provincia di Perugia (PG) nel cuore dell’Umbria, è un affascinante borgo fortificato rinomato per la sua ricca presenza di castelli medievali. Il suo nome stesso rivela le sue radici longobarde: “Gualdo” si riferisce alla sua conformazione geografica distintiva, indicando un’area boschiva derivata dal termine germanico “Wald”. Il termine “Cattaneo” richiama i capitani, vale a dire quei vassalli che, nell’ambito del sistema feudale, gestivano importanti località rurali a servizio e per conto dell’imperatore.

Il Marchio Terre di Capitani®️ nacque dall’idea di Noemio Bacci e un amico di una vita, legati da un’amicizia familiare ma anche da una forte passione in comune relativa al mondo agricolo del territorio di Gualdo Cattaneo, in cui entrambi sono nati e cresciuti. La stessa terra che per secoli le loro famiglie hanno saputo coltivare con tanta passione, la stessa che hanno saputo trasmettere ai loro figli.
Terre di Capitani®️ vuole essere prima di tutto un omaggio e un riconoscimento della più antica storia di Gualdo Cattaneo. Vuole riportare alla memoria dei contemporanei le lontane origini longobarde e il sistema feudale di quello che fu il nobile castello di Gualdo Cattaneo.
Con il primo termine “Terre” si vuole indicare quel territorio diversificato per morfologia e per articolazione del paesaggio agrario, riconoscendone le varie vocazioni colturali; terre seminative, boschive, ma soprattutto olivate. La coltivazione dell’olivo, attestata nei documenti comunali medioevali, si adatta a queste terre come queste terre si adattano a questa coltivazione. Il paesaggio agrario gualdese di collina altamente vocato all’olivicoltura vede quindi la naturale presenza dell’olivo per la produzione dell’olio, un tempo per soddisfare il fabbisogno degli abitanti del castello e del suo contado, oggi ampiamente riconosciuto come un’eccellenza a livello globale del territorio gualdese.
Con il secondo termine “Capitani” si vuole richiamare il nome di quei signori che nel sistema feudale diedero origine al nobile castello di Gualdo Cattaneo e che nel corso dei secoli lo hanno retto e governato. Capitani in quanto “messi a capo” dall’imperatore, nobili signori che si spostavano da un luogo ad un altro a dorso del cavallo, animale che, insieme ai capitani, ha profondamente segnato la cultura e la storia del luogo.